Super size me

SUPER SIZE ME

Regia: Morgan Spurlock

U.S.A 2004

Genere: Documentario

CAST: Morgan Spurlock

Morgan Spurlock, al suo primo lungometraggio, ingrassa di dodici chili e rischia danni permanenti al fegato. Però riesce a scuotere l’opinione pubblica sul fenomeno dell’obesità e della cattiva alimentazione, più di quanto riesca a fare un nutrizionista teorico del “cibo sano in corpore sano”.

Spurlok gira il documentario senza cercare colpi di scena che stordiscano il pubblico e con serenità ci conduce dai suoi medici raccontandoci del suo peso forma, della sua giusta quantità di grasso nel sangue, lipidi nella pelle e colesterolo. Quindi si immola per la causa cercando con scarso successo di rassicurare la mamma che gli offre il suo fegato qualora dovesse rovinare troppo il suo nell’esperimento, la compagna vegetariana che non sa rimpiazzare il gusto insostituibile del prosciutto crudo, i medici, gli amici e tutti quelli che hanno a cuore la sua salute.

Procede, nonostante il vomito, la nausea, i chili presi in pochi giorni. Prova a semplificare. Smettere un vizio per tre giorni basta a liberarci. Camminare fa bene ma in una società così tecnologica bisogna cercare il tempo per farlo. Intervista uomini che ricordano che la mamma una volta cucinava. Mostra casalinghe liberate dalla schiavitù della tavola sempre più disposte a portare a giocare i figli al parco del fast food che li sazierà...

Leggi tutto ...

Un tocco di zenzero

 

UN TOCCO DI ZENZERO

Regia: Tassos Boulmetis

Grecia/Turchia 2003

CAST: George Corraface; Tassos Bandis; Basak Koklukaya

Gli odori dell’infanzia sono quelli che rimangono per sempre del nostro cuore e che spesso, inconsapelvomente ci guidano nelle nostra formazione del gusto e nelle nelle scelte future.

Fanis è un bambino, vivace e curioso, cresce avvolto in un turbinio di profumi nel negozio di spezie del nonno Vassilis, assorbendo la sua filosofia di vita e condividendo la sua passione per l’astronomia. Costretto dagli eventi politici fra Grecia e Turchia, lascia l’amatissimo nonno e la sua amica speciale Saime, entrambi gli resteranno per sempre nel cuore, e le conoscenze sulle spezie accompagnano la sua vita, le sue...

Leggi tutto ...

Mangiare bere uomo donna

 

Mangiare bere uomo donna

Regia: Ang Lee

Taiwan 1994.

Genere Commedia drammatica,

CAST:

Sihunglung, Yang Kuei-Mei, Wu Chien-Lien, Yu-Wen Wang, Lester Chen.

 

Taiwan. Anni ’90. Un anziano vedovo, cuoco sopraffino che ha perso la capacità di sentire i sapori, si ritrova ad affrontare i tormenti esistenzial-sentimentali suoi e delle sue tre figlie, oramai in età da marito, con le quali riesce in qualche modo a comunicare solamente davanti ad una tavola riccamente bandita, durante le proverbiali e pesantissime cene domenicali.

Un tripudio di sensi. In tutti…i sensi. Primo tra tutti, il gusto. Fin dalle primissime scene si vedono infatti le esperte mani dell’anziano cuoco tritare, tagliuzzare, affettare, preparare...

Leggi tutto ...

La grande abbuffata

 

La grande abbuffata

Titolo originale: Le Grande Bouffe

Regia: Marco Ferreri

Anno: 1973

CAST:

Michel Piccoli, Ugo Tognazzi, Marcello Mastroianni, Andréa Ferréol, Philippe Noiret,

La festa comincia”. Dice Mastroianni fra sanguinacci, caprioli, cinghiali e faraone spennate, mentre un imperdibile Michel Piccoli solleva una testa di manzo intonando un classico.

Spinto all’inverosimile ed all’estremo, La Grande Abbuffata si annovera fra le più ardue produzioni della cinematografia italiana di tutti i tempi. Quattro amici , un produttore (M. Piccoli), un giudice (P. Noiret), un pilota aereo (M. Mastroianni) ed un ristoratore (U. Tognazzi), si riuniscono in una romantica e lugubre villa alle porte di Parigi decisi a compiere un suicidio gastronomico-erotico. Li...

Leggi tutto ...

Cous Cous

 

Cous Cous

Titolo originale La Graine et le Mulet
di Abdel Kechich
Cast: Habib Boufares, Hafsia Herzi, Faridah Benkhetache, Abdelhamid Aktouche, Bouraouïa Marzouk.
Genere:Drammatico
durata 151 min. – Francia 2007

Senza troppo indagare le ragioni che hanno diviso una coppia di immigrati magrebini in Francia, evitando di moralizzare sulla perdita della lingua araba tra i discendenti di seconda e terza generazione, guardandosi bene dal criticare chi generalizza e non apre la porta alle altre culture, Abdellatif Kechiche riunisce una famiglia intorno al piatto che più rappresenta la loro cultura: il cous cous.
Capo indiscusso della famiglia un padre mite, lavoratore indefesso, che, fresco di licenziamento dal cantiere...

Leggi tutto ...

Cerca

In Rete con ....

Visita il sito!
Visita il sito!