Il cibo e' da sempre protagonista del grande schermo: incontri, dialoghi, affetti, incomunicabilità e morte. Di film in film, attraverso trame e racconti, anche il percorso culturale e gastronomico non deve essere sottovalutato.  Basti pensare al volto tragicomico affamato di Buster Keaton, alla comunità puritana incredula dal pranzo di Babette, alla tragica esasperazione della gola della Grande abbuffata, alla denuncia alimentare di "Super Size Me" ed al leggiadro viaggio in "Sideways". Come non ricordare l'epica scena degli spaghetti in mano di "Miseria e Nobiltà"? Sono molti i film che ricostruiscono la tradizione della tavola contadina nella provincia italiana, come "Novecento" , "Amarcord”, “Speriamo che sia femmina”, un effetto collante che ne evidenzia i riti e la peculiarità. “Rivediamo” insieme una carrellata di produzioni cinematografiche che ci porteranno a rileggere sotto una chiave enogastronomica il contenuto dei filmati. In Questa pagina: Tiguido al Cinema, Viaggiando e Di film in film

Ipse Dixit:      "Alcuni film sono fette di vita, i miei invece sono "fette di torta" (Alfred Joseph Hitchcock)

 

LA REDAZIONE

Il giorno della memoria a Roma: cinque modi per ricordare

 

Alla Casa del Cinema dal 27 al 29 gennaio 2017

 

Evento in collaborazione con Ospedale Israelitico, Fondazione Museo della Shoah e  Good Films

 

Dall’orrore della Shoah sono passati più di 70 anni: un tempo lungo che assottiglia i testimoni e fiacca la memoria. Eppure il ricordo e la testimonianza sono armi importanti per scongiurare l’oblio e far fronte al pericolo che ciò che è accaduto si ripresenti, magari sotto diverse sembianze, ma con la stessa negazione dell’uomo e della sua dignità.

La difficoltà maggiore sta però nel non rendere celebrativo e distratto l’appuntamento con il Giorno della Memoria: abbiamo bisogno che il gesto del ricordo sia patrimonio soprattutto di chi oggi è giovane, di chi non c’era e forse nemmeno sa davvero cosa fu la Shoah.

Per questo Casa del Cinema di Roma ha scelto di proporre nei giorni di fine gennaio un percorso di storie, generi, stili e personaggi che non seguono i tracciati più ovvi e che fanno del cinema ciò per cui è nato, un veicolo di passioni, emozioni, lacrime e sorrisi: cinque modi diversi di ricostruire il passato che siano – crediamo – capaci di parlare agli occhi e al cuore degli spettatori di oggi.

    VENERDì 27 GENNAIO

20.30  Commedia

PECORE IN ERBA, di Alberto Caviglia│ Italia, 2015, 85’

  SABATO 28 GENNAIO

16.30  Epico

BOLERO, di Claude Lelouch │Les uns et les autres, Francia 1981, 175’

20.30 Thriller

REMEMBER, di Atom Egoyan │Canada, Germania2015, 95’

  DOMENICA 29 GENNAIO

17.00  ...

Leggi tutto ...

All’insegna dell’impegno civile

 

il 57/esimo Festival dei Popoli 

Firenze, 25 novembre – 2 dicembre 2016

La violenza sulle donne raccontata dai suoi colpevoli e da chi si impegna a curarli in “Un altro me” di Claudio Casazza e la vita nei centri d’accoglienza per migranti in Italia in “No Borders” di Haider Rashir alla presenza di Elio Germano. Questi i titoli che aprono domani la manifestazione fiorentina dedicata al documentario sociale. La violenza sessuale vista dagli occhi di chi se ne è reso colpevole e di coloro che ogni giorno lavorano perché questo non accada mai più nel doc in prima mondiale Un altro me di Claudio Casazza, e la vita quotidiana nei centri di accoglienza per migranti raccontata da Elio Germano nel corto No Borders del regista fiorentino Haider...

Leggi tutto ...

Un pacchetto dedicato a chi ama la lettura di Robert Langdon

 Conclusa la prima mondiale di "Inferno", il film di Ron Howard tratto dal romanzo di Dan Brown e girato in gran parte a Firenze.

Il nuovo teatro dell'Opera ha accolto per l'anteprima circa 1.800 invitati - tra cui tutto il cast, da Tom Hanks a Felicity Jones allo stesso Ron Howard e Matteo Renzi - con proiezioni sulla facciata di immagini tratte dal film. Tra i tanti luoghi di interesse del capoluogo toscano citati all’interno del best seller spicca l'​Hotel Brunelleschi,​ In attesa di vederlo nelle sale (dal 13 ottobre), lo storico ed affascinante Hotel Brunelleschi puo condurci alla scoperta delle tracce dell’Inferno dantesco a Firenze, un’esperienza unica tra storia, mito e letteratura. L'Hotel ha creato un pacchetto studiato ad hoc...

Leggi tutto ...

Lumière! L'invenzione del cinematografo a Bologna

 

  In prima nazionale a Bologna la mostra dedicata ai fratelli Lumière, evento speciale per festeggiare i 30 anni del festival Il Cinema Ritrovato

Lumière! L'invenzione del cinematografo è la mostra dedicata agli inventori del cinema, Auguste e Louis Lumière, dal 25 giugno 2016 al 22 gennaio 2017 nello Spazio Sottopasso di Piazza Re Enzo. 

Ai Lumière non si deve solo il cinematografo, ma anche una serie straordinaria di invenzioni, tra cui i bellissimi Autochromes (la prima fotografia a colori) e la proiezione in 3D. 
Tutto questo, e molto di più, in una mostra che ci farà ritrovare un luogo di Bologna a lungo invisibile e le origini dello sguardo moderno sul mondo. Un evento curato dall’Institut Lumière che per la prima volta varca...

Leggi tutto ...

Friuli Venezia Giulia, terra di cinema

Festival, Premi, location imperdibili in ogni mese dell’anno

Presentato alla 73° Mostra d’arte cinematografica di Venezia il programma che propone la regione come destinazione per il cineturismo

 

Il Friuli Venezia Giulia è anche terra di cinema. Da vedere, da premiare, da girare.Tornatore, Salvatores, Bellocchio, Pasolini, Monicelli, Visconti, Francis Ford Coppola, Anthony Minghella: sono solo alcuni dei registi che hanno scelto il Friuli Venezia Giulia con le sue indimenticabili location per ambientare i loro film, affascinati da questa regione, e dalla sua luce davvero speciale, dove si compenetrano natura, storia, tradizione e cultura in una amalgama di paesaggi e di atmosfere suggestive.

In regione si è deciso di puntare sul turismo...

Leggi tutto ...

Cerca

In Rete con ....