L’UMBRIA e Novelli

 

Cantina Novelli si presenta in occasione del Festival dei Due Mondi
30 giugno – 1 luglio: week end tra Spoleto e Montefalco

spoleto
Terra difficile, legata ancora al mondo contadino e arcaico, l’Umbria è la “madre” di vitigni straordinari, quali il Sagrantino, diventato il simbolo del territorio di Montefalco. Forse non tutti sanno però che, storicamente, l’Umbria era soprattutto vocata alla produzione di vini bianchi, come dimostra lo studio sulla vite e sul vino in Umbria del Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio, pubblicato nel 1896, dove si afferma che “la quantità del vino bianco prodotto nell’Umbria sta a quella del vino rosso come 21:4”. Anche l’inchiesta Agraria di Stefano Jacini a fine ‘800 conferma questo e, in particolare, evidenzia l’alta vocazione alla produzione di un vitigno: il Trebbiano Spoletino.

Patrimonio che sì è perso nel tempo, il Trebbiano Spoletino viene riscoperto da Stefano Novelli, giovane manager a capo di un importante gruppo agroalimentare conosciuto per i marchi Interpan e Ovito, leader in Italia nei settori Pane e Uova, grazie all’aiuto dell’enologo Maurilio Chioccia.
Poca documentazione scientifica e limitato materiale genetico rendono difficile il lavoro di recupero del Trebbiano Spoletino ma la volontà di portare a termine la valorizzazione di questo binomio vino-territorio sprona Stefano Novelli a contattare Attilio Scienza, uno dei padri della zonazione.

A distanza di poco, il convegno “Il Trebbiano Spoletino – un vino da tutelare a...

Leggi tutto ...

Cerca

In Rete con ....