VALORE VAL D'ORCIA - IL FENOMENO DEL PAESAGGIO ITALIANO PIU' ICONICO AL MONDO


Valore ValdOrcia Cover 183x300di Lorenzo Benocci e Cristiano Pellegrini

La bellezza e le risorse di un paesaggio unico al mondo, la Val d'Orcia, sono state analizzate da due giornalisti, Lorenzo Benocci e Cristiano Pellegrini, nel libro "Valore Val D'Orcia", presentato a Roma nella Sala Nassirya del Senato alla presenza del presidente della Commissione Agricoltura Giampaolo Vallardi e il sottosegretario del MIPAAF Gian Marco Centinaio.
"Un luogo concreto ma aperto a tutti i sogni”. Il poeta Mario Luzi descriveva così questa valle toscana, nella provincia senese, Patrimonio Unesco, un po' paesaggio ‘lunare’ e un po' agricolo e pastorale, connubio di arte e paesaggio, espressione della natura ma anche testimonianza di chi vi abita. Tra l'asprezza delle crete, cicatrici di sconvolgimenti geologici e la morbidezza delle colline dove la macchia mediterranea, i vigneti, gli uliveti si intrecciano in affreschi di rara bellezza.
La Val d’Orcia, eccezionale esempio del ridisegno del paesaggio rinascimentale, era stato celebrato dai pittori della Scuola Senese e anche oggi mostra come il lavoro della sua gente sia stato rispettoso delle sue risorse e del paesaggio. Meritava di essere spiegato e approfondito il suo ruolo, prima inconsapevole, poi responsabile, di icona universalmente riconosciuta in tutto il mondo e “Valore Val d’Orcia”, e questo saggio giornalistico lo analizza offrendo spunti di riflessione. Si tratta di un vero e proprio fenomeno che, anche grazie al riconoscimento Unesco del 2004, non è più solo paesaggistico, ma economico e soprattutto sociale. C'è la meraviglia del paesaggio, ancora integro, ma solo perchè l'uomo nel corso del suo secolare lavoro ha saputo mantenerlo tale, utilizzandone il territorio agricolo e boschivo senza sfruttarlo appieno in tutte le sue risorse, quasi seguendo gli ideali del Buon Governo del Lorenzetti. Inoltre sono in Val d’Orcia le immagini e i simboli più conosciuti e riconoscibili della Toscana: i cipressi di San Quirico, la cappella di Vitaleta, il podere Belvedere, la strada della Foce pennellata dall’architetto Pinsent, fino alle location di film pluripremiati con gli Oscar, da “Il gladiatore” a “Il paziente inglese”. Gli autori del libro dopo aver ricostruito queste trasformazioni nel corso dei secoli, iniziano un dialogo con studiosi ed esperti professionisti nel campo giuridico, economico, sociale, psicologico, del marketing e della fotografia; ma anche protagonisti del mondo imprenditoriale attraverso i quali rispondono, con voce autorevole, alla domanda iniziale: come e perché il paesaggio della Val d’Orcia ha acquisito negli ultimi trent’anni un valore così universale nel segno del suo paesaggio. Ma anche: perchè questo luogo negli ultimi trenta anni è diventata un’icona universalmente riconosciuta in tutto il mondo? Quali sono le ragioni alla base della sua evoluzione? E perché un prodotto agricolo fatto in un territorio bello è già di per sé anche buono e desiderato? Ma nelle risposte non c'è mai solo un elogio alla bellezza: coprotagonista -e chiave interpretativa- emerge sempre il fattore umano.turismo orcia doc
“Valore Val d’Orcia” non è una guida turistica e non è neanche un libro fotografico: si tratta invece di un focus su un paesaggio-icona, su un fenomeno sempre più in ascesa a livello globale, come anche i social network più utilizzati stanno dimostrando.
Lorenzo Benocci, è un giornalista professionista di lungo corso.Direttore di Agricultura.it, il giornale dell’agricoltura italiana, collaboratore de La Nazione e coordinatore di Dimensione Agricoltura. Si occupa di uffici stampa; vincitore Premio Addetto Stampa dell’Anno 2009 – Agricoltura. Co-autore de “Il Barbarossa – Cronache e protagonisti di una festa” (2010); autore di varie edizioni di “Tutto il Buono di Siena”.
Anche Cristiano Pellegrini è giornalista professionista. Direttore di Agenziaimpress.it, quotidiano di informazione; si occupa di uffici stampa da venti anni. È collaboratore dell’Agenzia Ansa e de Il Tirreno. È autore del libro “Quella notte al Giglio, il dramma della Concordia” (2012), vincitore del Premio giornalistico-letterario Carlo Marinkovich per la letteratura del mare.

"Valore Val d’Orcia"
Il fenomeno del paesaggio italiano più iconico al mondo
di Lorenzo Benocci e Cristiano Pellegrini
Prefazione di Osvaldo Bevilacqua
Primamedia editore - Siena
Formato: 12.5 x 20.5 cm
Pagine: 184
Prezzo: 15,00

Mariella Morosi

Cerca

In Rete con ....