TRA STORIA E MITOLOGIA GLI SCAVI DI POMPEI

 

Nuovi percorsi per scoprire ed ammirare uno dei siti più belli e famosi al mondo

Pompei0
Ciò che gli archeologi scoprirono sotto gli strati di lava dopo l’eruzione del 79 d.C., lasciò il mondo senza fiato: palazzi, strade, oggetti di vita quotidiana e monumenti. Il sito archeologico è estremamente suggestivo, si ha la sensazione di fare un incredibile viaggio nel passato; per facilitare le visite, dal 7 giugno 2021, è stato riaperto il varco di Porta Marina ed all’interno del sito è possibile seguire nuovi percorsi appositamente segnalati. Chi vuole immergersi nella storicità pompeiana senza rinunciare al mare, alla bellezza, al relax ed ai panorami mozzafiato della Costiera Amalfitana può alloggiare nell’esclusivo Hotel Santa Caterina di Amalfi, albergo a picco sul mare con camere e suite da sogno, che rappresenta un modo unico di vivere il luogo.

Nuovi itinerari per visitare gli Scavi di Pompei:

Ingresso Piazza Esedra: questo ingresso è consigliato per chi volesse accedere direttamente all’Antiquarium di Pompei, museo archeologico realizzato tra il 1873 e il 1874 da Giuseppeantiquarium di pompei Fiorelli che offre un quadro completo della storia della città, ospita celebri testimonianze del patrimonio Pompeiano come gli affreschi della Casa del Bracciale d’oro, gli argenti di Moregine, calchi di uomini e animali. Oggi il museo è stato rinnovato e costituisce un percorso di introduzione alla visita degli scavi, sembra un luogo di altri tempi dove le nuove vetrine trasparenti appaiono come una finestra sul passato, dando vita ad un viaggio di suggestioni emotive. Seguendo il percorso troviamo il Tempio di Venere che offre una splendida vista sul Golfo di Napoli, è il luogo dove veniva venerata Venere, la divinità protettrice della città e ciò che è visibile oggi risale alla prima età imperiale. Alle spalle del santuario scorgiamo il Foro che ospita il Tempio di Apollo e il Tempio di Giove. Il Foro è considerato il cuore della Pompei antica, questa imponente piazza ospitava edifici pubblici e privati, era il posto dove tutto accadeva: infatti non era solo un luogo di culto e religione, ma anche di giustizia e politica. Il Tempio di Giove è posizionato su un alto podio nel lato settentrionale del Foro e gode di una magnifica vista sul Vesuvio, all’interno del podio si aprono le “favissae”, ambienti sotterranei destinati ad accogliere le offerte per gli dei. Il tempio è un vero e proprio Capitolium con le tre statue di Giove, Giunone e Minerva che imitavano quelle del Campidoglio di Roma.

Risalente all’epoca romana, il Tempio di Apollo è uno dei tempi più antichi della città, nonché quello più frequentato, attualmente è ben visibile la statua del dio in bronzo rappresentato come un arciere e di fronte si può ammirare la statua della dea Diana.

Ingresso Piazza Anfiteatro: questo itinerario consente di usufruire del percorso “Pompei per tutti” rivolto alle persone con disabilità motoria, da Piazza Anfiteatro ci si trova subito di fronte all’Anfiteatro, probabilmente la costruzione più antica del mondo, fu scenario di lotte sanguinose tra gladiatori e poteva accogliere circa 20.000 spettatori, è posizionato nella zona periferica della città proprio per facilitare l’affluenza di persone. È un luogo magico dove il tempo sembra essersi fermato, nel 1971 i Pink Floyd vi registrarono un video musicale senza pubblico, segnando una delle pagine più belle della musica rock. Al fianco dell’Anfiteatro si trova la Palestra Grande, era il più grande impianto ginnico della città dove i giovani si riunivano nei “collegia iuvenum” ossia un luogo, voluto dall’Imperatore Augusto, in cui associazioni di giovani venivano formati fisicamente ed intellettualmente. Proseguendo per la strada principale troviamo l’Orto dei Fuggiaschi, una delle testimonianze più eclatanti di Pompei, un luogo di grande fascino: in questo angolo è possibile osservare i calchi di 13 vittime che cercavano di salvarsi dalla terribile eruzione del 79 d.C. Una galleria di calchi in gesso che testimoniano la drammaticità del momento e le reali espressioni dei volti, le posizioni e le pieghe degli abiti un attimo prima di rimanere intrappolate nella furia del Vesuvio.

Ingresso Porta Marina: chiamato così perché è volto verso il mare, immediatamente sotto le mura di Porta Marina sorgono le Terme Suburbane, l’accesso avviene direttamente da via Marina e la loro posizione non è una casualità, infatti, furono costruite fuori le mura per attrarre non solo clienti provenienti dalla città, ma anche chiunque si trovasse di passaggio. È un complesso di terme pubbliche di età augustea concepito con uno spogliatoio unico per uomini e donne, affrescato da quadretti a tema erotico che pubblicizzavano le attività che si svolgevano nelle sale al piano superiore. Gli altri ambienti termali invece, sono dotati di una sontuosa decorazione con un mosaico raffigurante Amorini e sulle pareti sono presenti pitture raffiguranti combattimenti navali e fauna marina. Le terme nella vita di un pompeiano erano sacre, un rito quotidiano ed irrinunciabile, era un luogo dove rilassarsi ma anche dove incontrarsi per parlare di politica o di vita privata. Proseguendo il cammino incontriamo la Basilica, uno spazio per la gestione degli affari e per l’amministrazione della giustizia, era considerata una sorta di Foro ma al chiuso dove si svolgevano le stesse funzioni quando le condizioni meteorologiche consigliavano l’utilizzo di luoghi al coperto. Su un lato era posizionato il tribunale dove risiedeva il giudice in posizione sopraelevata rispetto alle parti, il luogo riservato ai giudici era raggiungibile solo attraverso una scala di legno mobile per evitare che i magistrati venissero aggrediti dei condannati.

Teatro Grande Pompei

Per chi volesse vivere la suggestione di Pompei di notte ed assistere ad alcuni spettacoli teatrali, fino al 25 luglio al Teatro Grande del Parco Archeologico di Pompei si terrà POMPEII THEATRUM MUNDI, la quarta edizione della rassegna estiva del Teatro di Napoli – Teatro Nazionale con il Parco Archeologico di Pompei in collaborazione con Fondazione Campania dei Festival – Campania Teatro Festival.

Il Teatro Grande è uno dei luoghi più attraenti di Pompei. Tra il 24 giugno e il 25 luglio 2021 il Teatro di Napoli – Teatro Nazionale organizza in questa sede una rassegna di teatro tra classico e contemporaneo: andranno in scena cinque importanti prime. (Teatro grande - Teatro di Napoli )

 

 

 

La magia dell’Hotel Santa Caterina

A pochi minuti di distanza da Amalfi, in uno dei punti più suggestivi della costiera, l’Hotel Santa Caterina è costruito a picco sul mare, all’interno di una vasta proprietà che “precipita” fino all’acqua con una serie di splendide terrazze naturali. Due ascensori scavati nella roccia o un sentiero di spettacolare bellezza portano gli ospiti attraverso agrumeti e giardini lussureggianti fino agli impianti a livello del mare, che comprendono una piscina con acqua marina, solarium, fitness centre, café/bar e ristorante all’aperto.

La sera la magia continua nell’elegantissimo ristorante con una cena a lume di candela ammirando il suggestivo panorama di Amalfi illuminata dalla luna. E che dire della suite “Follia Amalfitana” con la sua minipiscina tonda con vetrata e vista mozzafiato sulla baia o della suite “Giulietta e Romeo” con terrazzino a picco sul mare e piscina privata a sfioro…

L’Hotel Santa Caterina ha 36 camere di tipologia standard, superior e deluxe e 13 tra junior suite, executive junior suite, suite e senior deluxe suite che si trovano nell'edificio principale. Inoltre, tra le Garden Suite, le dépendances “Villa Santa Caterina” e la “Villa il Rosso” nel lussureggiante parco si contano altre 17 camere e suite.

Dal 2019 l’offerta gastronomica dell’albergo è firmata dallo Chef Giuseppe Stanzione: le colazioni, gli snack, il Bistrot, l’elegante Ristorante fine dining Glicine che è stato insignito dalla Guida Michelin 2020 di una stella, con le vetrate affacciate sul panorama del golfo, e un menù più raffinato e personale con l’impronta dello Chef, il Ristorante Al Mare, aperto adesso sia a pranzo che a cena, con piatti più semplici e tradizionali e prevalentemente marinari. I due ristoranti panoramici dell’Hotel saranno quindi aperti entrambi la sera mentre il Ristorante Al Mare sarà aperto anche a pranzo. La Carta dei Vini offre un’accurata selezione di etichette italiane ed estere e una scelta produzione della Campania.


Hotel Santa Caterina S.S. Amalfitana, 9, 84011 Amalfi (Sa)

Tel. 089 87 10 12  www.hotelsantacaterina.it  - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Redazione

Cerca

In Rete con ....