IL LUGANA PARLA TEDESCO

 

Il Consorzio sarà protagonista di ben 4 eventi in una settimana a Monaco, Amburgo e Vienna. Tiene l’export in Germania ma cambia la domanda

Bottiglie

 Gli impegni internazionali del Lugana ripartono dalla Germania. Non poteva essere altrimenti per la DOC che da sempre vede i tedeschi come i maggiori appassionati al mondo e che esporta nei paesi di lingua germanica circa il 40% del totale della produzione. A partire da lunedì 7 settembre, per una settimana, il Consorzio sarà protagonista di 4 appuntamenti che faranno tappa ad Amburgo, Monaco e Vienna.

“La scelta di focalizzarsi sul mercato interno e sul centro Europa è dettata non solo dagli evidenti limiti imposti agli spostamenti internazionali, ma dalla effettiva potenzialità che risiede nei mercati di prossimità che hanno dimostrato, negli anni, una grande continuità e fidelizzazione – afferma il Direttore del Consorzio Andrea Bottarel –. E’ necessario continuare a presidiare i mercati esteri, intercettando i mutamenti in atto anche in paesi come la Germania, mercato storicamente “conservatore”, molto orientato al valore e a prezzi convenienti, dove invece si registra un'accelerazione alla tendenza verso marchi più ambiziosi e rivolti al consumatore, promossi sui social media e venduti attraverso l’ e-commerce, come emerge da una recente indagine di Wine Intelligence. Abbiamo perciò bisogno di innovare la...

Leggi tutto ...

A Grosseto tutti i sapori della Sicilia

A "IL CARRETTINO" DI GROSSETO LE PROPOSTE DI ANDREA GRECO, PIONIERE DEL GLUTEN FREE

cassata

A "Il Carrettino", pasticceria e ristorante, i peccati di gola meritano piena assoluzione e soprattutto regalano anche ai più golosi leggerezza e benessere. Cannoli di ricotta freschissima, soffici brioches con gelato, cassatelle, sfincioni, arancine di riso, panelle di farina di ceci , e ancora, pasta alla Norma e alle sarde, lasagne al pistacchio, dove il pregiato frutto di Bronte è anche nell'impasto, involtini di pesce spada e una caponata dal perfetto equilibrio dolce-salato.

ag dolci C'è tutto il buono della Sicilia in questi due locali di Grosseto, la città maremmana dove il titolare Andrea Greco, palermitano, si trasferisce, un paio di decenni fa, con tutta la sua famiglia. Ma qui c'è di più di un elogio alla migliore tradizione siciliana: c'è la certezza dell'origine e della corretta trasformazione delle materie prime con l'eliminazione di elementi come il glutine o il lattosio, non essenziali al gusto e neppure dal punto di vista nutrizionale. E anche il metodo e i tempi di cottura sono determinanti. Non è una dieta ma uno stile stile di vita, proposto attraverso studi ed esperienza nel tempo, in un settore ancora inesplorato, quando Andrea decise che era il momento di dare una svolta alle proposte gastronomiche adeguate ai nuovi tempi e alle consapevoli scelte dei consumatori più evoluti. Fu allora un cambiamento...

Leggi tutto ...

Adotta un pistacchio: quell'albero porterà il tuo nome


 Con il progetto Fustuq la pasticceria Bonfissuto vuole ricostruire un antico pistacchieto siciliano

Al via la campagna di crowdfunding internazionale

pistacchio


Si chiama Fustup il progetto di crowdfunding che lanciano i due giovani fratelli Vincenzo e Giuliano Bonfissuto della omonima Pasticceria di Canicattì, in provincia di Agrigento. Nel cuore della Sicilia meno conosciuta hanno trovato delle piante di pistacchio di una specie autoctona in stato di semi abbandono che vogliono riportare alla vita per creare il primo pistaccchieto della zona, a km zero rispetto al laboratorio di produzione, 800 mq in aperta campagna, immersi tra vigneti e mandorleti.

dolce al pistacchio

Attraverso il crowfunding sulla piattaforma internazionale Kickstarter.com (al link https://www.kickstarter.com/projects/bonfissuto/fustuq-adottaunpistacchio) che inizia il 1 agosto, l'obiettivo è quello di impiantare le prime 70 piante di pistacchio, rendendo uno dei loro dolci più iconici, il panettone al pistacchio, a chilometro zero e completamente autosufficienti nella coltivazione e produzione.

Ci sono almeno 10 tipologie di modalità per sostenere il progetto: dalla semplice donazione libera, a un minimo di 30 euro per ricevere a casa (e in tutto il mondo) il loro lievitato al pistacchio fino a 1000 euro per adottare un massimo di 70 piante di pistacchio (che riporterà una targhetta con il nome del donatore per ogni albero), un omaggio di 12 panettoni e un'esclusiva...

Leggi tutto ...

ANNA TORTORA E' LA VINCITRICE DEL CONTEST SUPPLITIAMO

ROMA, FESTA GRANDE AL SUPPLIZIO DI ARCANGELO DANDINI PER LA PREMIAZIONE DEL CONTEST SUPPLITIAMO IDEATO DA LUCA PUZZUOLI DI RISATE & RISOTTI

anna tortora
Con un delicato supplì al profumo di mare era stata la giornalista e food blogger romana Anna Tortora ad aggiudicarsi il podio di "SuppliTiAmo" il concorso promosso da "Risate & Risotti" per rendere un po' meno duri i giorni del lockdown. Nessuno, allora, lo potè gustare a causa dell'isolamento obbligato, ma attraverso il web si poteva immaginarne il sapore, leggendo e rileggendo la ricetta puntualmente descritta.

E neppure la sua autrice e gli altri finalisti poterono essere incoronati con il meritato alloro. Ora finalmente, tra flashes e tintinnar di calici, il debito è stato pagato e i premi consegnati alla vincitrice e agli altri finalisti nel corso di un'allegra serata da Supplizio, il locale dedicato allo street food dello chef Arcangelo Dandini. Grandi vassoi colmi di supplì hanno deliziato gli ospiti e la prova d'assaggio ha confermato la buona scelta dei giurati che erano lo stesso Dandini, Anna Maria Pellegrino, Leonardo Romanelli, Maurizio Di Dio e Giampaolo Trombetti.

In occasione della premiazione del contest, in questa friggitoria gourmet di via dei Banchi Vecchi, sono stati anche presentati salumi e formaggi di alta qualità offerti da alcuni artigiani dell'agroalimentare umbro: la Norcineria Oreto, i Formaggi della Tenuta Radichino dei Fratelli Pira e la Mozzarella e burrata...

Leggi tutto ...

Cerca

In Rete con ....