MICHELE RACCONTA

E’ una storia personale e sociale, un atto d’amore per le colline del Monferrato e delle Langhe per le loro tradizioni, la vicenda di una fortunata realtà aziendale. Michele Chiarlo, produttore apprezzato di grandi vini, presenta il suo secondo libro “Michele racconta“, dopo il fortunato “Il segno dei filari arancioni” della stessa collana “Semi di Vite“. Nel testo, raccolto da Giovanni Ruffa, coordinatore dell’intera collana, e da Paola Gho, è condensata una vita intera, scandita dalle vendemmie, illustrate con suggestive immagini in bianco e nero, il colore dei ricordi. L’idea di documentarle, anno dopo anno, è del 1997. Da allora ogni anno un grande fotografo è stato incaricato con il suo obiettivo, “di registrare con il suo punto di vista ed il suo gusto – scrive Chiarlo nella presentazione del libro – il gesto finale di un anno di lavoro sulla terra”. L’opera è il consuntivo di un’intera vita e si snoda fin dalla realtà contadina post bellica dei primi decenni del Novecento, descrive gli anni dell’emigrazione e dell’abbandono dei campi. Fu papà Pietro a dare il via all’avventura del vino, racimolando le 240.000 lire necessarie ad acquistare la prima cascina semiabbandonata. Tutta la sua storia, che conosce difficoltà e successi, è narrata in tono pacato, discreto ma coinvolgente. Si parla delle tradizioni del territorio, dai tempi delle ristrettezze in cui venivano raccolti anche gli acini caduti a terra a quelli delle svolte imposte dalla vitivinicultura moderna, dei...

Leggi tutto ...

“Viva il Prosecco, Abbasso lo Champagne” il libro intervista di Francesco Festuccia su Gianluca Bisol

imm copertina bisol

 E’ possibile una serena convivenza tra Prosecco e Champagne? Partendo da una scritta campanilistica apparsa sui muri di Valdobbiadene, nasce il libro-intervista: “Viva il Prosecco, Abbasso lo Champagne”, edito da Sovera. Lo scrittore e giornalista Francesco Festuccia, autore del libro, ha chiesto a Gianluca Bisol – esponente della storica famiglia del Prosecco e direttore generale dell’omonima azienda – una risposta a questa provocazione. «Ho scoperto una realtà – afferma Francesco Festuccia – dalle profonde tradizioni, ma anche animata da una forte voglia di modernità, una capacità innovativa che le sta facendo raggiungere traguardi d’eccellenza. In luoghi patria dello slow food e della slow life, dove però chi lavora con successo ha...

Leggi tutto ...

L’EMILIA E LA ROMAGNA DA BERE

copertina

Emilia e Romagna da degustare dopo aver letto: due guide ai vini, alle cantine e ai prodotti tipici del territorio. Due guide distinte, separate ma simmetriche. Già in commercio da qualche mese, i due volumi dell’edizione2009-2010 de “L’Emilia da bere” e “La Romagna da bere” sono realizzate da PrimaPagina Editore con la collaborazione dell’AIS, in partnership con l’assessorato all’Agricoltura della Regione Emilia-Romagna. 800 pagine interamente a colori divise in due volumi, oltre 1.000 vini degustati e recensiti, tra cui ben 65 top laureati come “Eccellenze del territorio”( 26 in Emilia e 39 in Romagna). L’obiettivo è di orientare il consumatore tra le centinaia di etichette esposte nelle enoteche, con una consultazione semplice...

Leggi tutto ...

WINE BOARD: LA GUIDA “VINUM INDEX” E’ ANCHE SU INTERNET (oltre che su IPhon)

Vinum Index, la guida ai vini italiani per IPhone, è ora su internet. Con le stesse caratteristiche che ne hanno determinato il successo sulla più diffusa periferica Apple. Si tratta, infatti di uno strumento semplice, agile, intuitivo, pensato per aiutare il consumatore, proponendogli una sintesi delle eccellenze del vastissimo panorama enologico italiano. “Ci sono almeno 10mila etichette di grande interesse – spiega Stefano Francavilla, curatore della guida – un numero enorme che rischia di confondere anche l’appassionato,al quale proponiamo una selezione attenta, ragionata, che aiuti una scelta di qualità”. Molti gli utenti che hanno chiesto di poter fruire dei contenuti senza dover necessariamente utilizzare un determinato terminale e...

Leggi tutto ...

LOMBARDIA. IL MOSAICO DEL VINO di ANDREA ZANFI

imm copertina

Sfida difficile ricercare una sintesi unitaria della vitivinicoltura lombarda in una regione che si presenta come « un grande mosaico composto e variegato». Andrea Zanfi, con il volume « Lombardia a tavola. Il mosaico del vino » si è cimentato nell’impresa viaggiando nell’Oltrepo Pavese, nella zona del Garda, in Valtellina e in Franciacorta, territori diversi a vocazione contadina oppure industriale in cui il vino si è integrato con sorprendente vitalità. Una ricerca non solo enologica ma anche culturale e antropologica con storie, frammenti, impressioni che servono a dare anima a quel vino, a quel produttore, a quel progetto. Settimo di una fortunata collana dell’editore Carlo Cambi «Le grandi aziende vitivinicole d’Italia», anche questo...

Leggi tutto ...

Cerca

In Rete con ....