Il Maiale in Tavola: la passione della tradizione tra i norcini locali

 A Busseto, a chiusura del bicentenario verdiano, gusti e sapori della bassa parmense

salumaio Ha 17 anni e si chiama Michael. E’ il futuro norcino della Bassa Parmense, rappresenta la nuova generazione dove la figura del Masalèn è profondamente cambiata: da girovago per le campagne a uccidere i maiali per le famiglie, a salumiere attento alla qualità in azienda. Il nonno è Rino Perenti che dal 1977 alleva maiali e ha fatto la storia del culatello nel territorio.

Sono questi i valori che Il Maiale in Tavola, giunto quest’anno alla sua 3° edizione, vuole proteggere e mettere in luce. A organizzare la fiera agroalimentare nel cuore di Busseto è Circolo Culturale “Alberto Pasini” con il patrocinio del Comune e la collaborazione della Va Pensiero Viaggi.

L’intento – spiega Afro Gotti, Presidente del Circolo Pasini è quello di tramandare alle prossime generazioni che ci succederanno le usanze i costumi e soprattutto i valori e l’identità che sono stati espressi da chi ci ha preceduto. Ci sentiamo un po’ “operatori culturali” di un territorio che ritrova la tradizione e la propria identità smarrita nell’epoca di internet”.

La kermesse gastronomica ha avuto inizio Il 26-27 ottobre e si ripeterà il 30 novembre 1 dicembre, in cui centro storico di Busseto si è riempito e si riempirà di stand degustativi e attrazioni per grandi e piccini. Per l’occasione è stato aperto a fette Tastùs, il megacotechino a grana grossa preparato con guancialini, musetti e lingua salmistrata dal gusto dolce e...

Leggi tutto ...

XIII Mostra mercato dello Zafferano Purissimo di Cascia

  Quando i semi della terra si preparano al lungo sonno invernale per fiorire rigogliosi in primavera, nelle piazze e nelle botteghe di Cascia dal 31 Ottobre al 3 Novembre – il Paese dedica allo zafferano una Mostra Mercato, con lo scopo di far conoscere questa spezia presente nel territorio sin dal periodo medievale, ma la cui coltivazione è stata ripresa da pochi anni.

Documentata fin dal secolo XIII, la produzione di zafferano trova una più estesa descrizione nelle rubriche della sezione dei Danni Dati degli Statuti di ciascun Castello della Valnerina: codificazione scritta di antiche consuetudini che, manoscritte nel periodo comunale e redatte a stampa nel sec. XVI, assumono valore di norme da rispettare.

Gli attuali produttori...

Leggi tutto ...

FORMAGGI ASIAGO PRODOTTI IN ALPEGGIO

 imm asiago Vincendo il titolo di miglior Asiago Vecchio e classificandosi ex æquo per il miglior Asiago Stravecchio , Malga di Porta Manazzo di Asiago, del maestro casaro Antonio Rodeghiero, ha dominato la 5° edizione del concorso tra i centri di produzione d’alpeggio del celebre formaggio DOP veneto-trentino. A controbilanciare il dominio di Porta Manazzo, Malga Verde, di Maurizio Cortese, aggiudicatasi alla pari il titolo per lo Stravecchio.

Le due malghe sono state selezionate tra le sei  finaliste specializzate nella realizzazione del prodotto a cui concorrono 8.000 vacche dell’altopiano vicentino che con i suoi 7.775 ettari è il più grande comprensorio d’Europa di pascoli in attività. Gli altri produttori, i cui formaggi sono andati molto...

Leggi tutto ...

LA PIZZA CORRE SULLE STRADE DELLA MOZZARELLA

PRESENTATO A ROMA IL PROGRAMMA DELLA SEZIONE PIZZA

ALLE STRADE DELLA MOZZARELLA (PAESTUM 6-8 MAGGIO)

 izza

Se si prendono tre artisti della pizza come Franco Pepe, Lello Ravagnan e Pierluigi Roscioli. dal talento di Cristina Bowerman, una location di sicuro impatto come Romeo, nato da poco ma già punto di riferimento per i gourmet capitolini. Ed ecco che la presentazione della sezione pizza delle Strade della Mozzarella (in programma a Paestum dal 6 all’8 maggio) diventa un piccolo evento per raccontare uno dei prodotti più amati dagli Italiani.

La pizza, soprattutto in questi ultimi anni, è assurta al ruolo di assoluta protagonista della ristorazione nazionale (e internazionale). Non a caso le Strade della Mozzarella, manifestazione che...

Leggi tutto ...

A cena con lo Chef. Dietro le quinte del ristorante DolceVita Lindenhof

Tutto reale e senza finzioni. Chef’s Table arriva anche nella cucina del ristorante del DolceVita Hotel Lindenhof****s in Val Venosta per offrire agli ospiti un modo di cenare, che diventa sempre più famoso, alla “Gordon Ramsey”, celebre Chef scozzese del noto programma televisivo.

Osservare i cuochi destreggiarsi tra le pentole, essere serviti personalmente dal proprietario e Sommelier dell’hotel Joachin Nischler e scoprire cosa avviene dietro le quinte è la nuova esperienza divertente proposta. Lo Chef Andreas Pircher e il suo staff mostreranno le caratteristiche del menu e saranno a disposizione per rispondere a tutte le domande dei loro ospiti. Trattasi di pietanze di alta cucina e in piccole porzioni in modo da poter gustare anche...

Leggi tutto ...

Cerca

In Rete con ....